Consigli utili per la vostra piscina

4 Condivisioni

Consigli utili per la vostra piscina

Clorazione shock

Un metodo che vi consente in breve tempo di avere di nuovo un’acqua cristallina quando avete l’acqua torbida o verde, è il trattamento d’urto a base di cloro. Si tratta di innalzare drasticamente in breve tempo la concentrazione del cloro in acqua, che porta all’eliminazione immediata di tutti i batteri e intorbidimenti.

Procedimento: regolare il valore pH tra 7.2 e 7.4. Spazzolare manualmente le alghe su fondo e pareti, poi passare con l’aspirafango per togliere i residui. Con l’impianto di filtrazione in funzione versare nello skimmer le giuste quantità di “ARTEPOOL Chlorshock” e lasciare la circolazione in funzione per 24 ore. Dopo questo tempo effettuare un lungo controlavaggio del filtro (almeno 5 minuti), rabboccare l’acqua e aggiungere nello skimmer una cartuccia di “ARTEPOOL Superfloxi”. Ricontrollare il valore pH ed eventualmente correggerlo.

È importante non entrare in piscina durante tutto il procedimento della clorazione d’urto perché il livello di cloro è troppo alto. Grazie al controlavaggio che verrà effettuato dopo 24 ore, si eliminano alghe e germi e anche un buon quantitativo di cloro, così da ritornare al suo valore ottimale.

Utilizzare l’acqua della piscina in giardino

Cambiando l’acqua della vasca in primavera si può evitare che la stessa finisca nello scarico inutilizzata. Quest’acqua può infatti essere utilizzata per annaffiare il giardino. Può essere prima travasata in una cisterna, l’importante è che la concentrazione di cloro sia inferiore a 0.3 mg/l. Se quando l’acqua viene estratta dalla piscina e stoccata in una cisterna, la concentrazione del cloro è superiore a 0.3 bisogna attendere che il valore si abbassi, prima di poterla utilizzare per annaffiare il giardino.
Anche coloro che utilizzano il metodo dell’ossigeno attivo possono fare la stessa cosa, purché le sostanze attive del trattamento non siano più misurabili.

1

Durezza dell’acqua

Un aspetto importante per un corretto trattamento dell’acqua di piscina è la durezza. Il sistema di misurazione in Germania è la durezza in gradi tedeschi (dH) (coefficiente per i gradi francesi = x 1,8 circa). La durezza dell’acqua varia da regione a regione.
Acqua molto leggera, con pH inferiore a 7.0 si trova in ambiente acido e può provocare corrosioni di parti metalliche in piscina. Acque dure, con valori pH superiori a 7.0 sono alcaline.
Con una durezza dell’acqua di oltre 14° dH e valori pH oltre 7.6 si verificano precipitazioni di calcare. In questo caso bisogna aggiungere in piscina “ARTEPOOL Calcistop” nelle quantità corrette indicate sulla confezione.

Filtro a sabbia e controlavaggio

Un’efficace disinfezione dell’acqua e l’eliminazione degli intorbidimenti con “ARTEPOOL Superfloxi” devono avere come premessa il funzionamento ottimale del filtro a sabbia. Per eliminare lo sporco trattenuto dal letto filtrante a sabbia o meglio ancora vetro, dovrete procedere almeno una volta alla settimana al suo lavaggio. Il processo si esegue facendo invertire il senso del flusso d’acqua all’interno del filtro, fluidificando il letto filtrante e facendo espellere l’acqua con lo sporco nello scarico. Dopo questa operazione è necessario rabboccare il livello dell’acqua.

L’operazione di controlavaggio richiede una certa velocità del flusso d’acqua, e nel caso in cui la pompa fosse così debole da non consentire un’adeguata pulizia del filtro si potrebbe arrivare dopo poco tempo ad un inquinamento all’interno del letto filtrante. È perciò molto importante che filtro e pompa siano sempre proporzionalmente dimensionati. Se avete una pompa di circolazione troppo debole e volete cambiarla, Artepool saprà consigliarvi ciò che fa al caso vostro.

Il carico filtrante inoltre va pulito a fondo ad inizio e fine stagione con “ARTEPOOL Filterclean”, basta semplicemente versare nello skimmer i quantitativi corretti di prodotto durante un lungo controlavaggio.

Per mantenere l’impianto sempre efficiente è consigliato sostituire il carico filtrante ogni 3-4 anni per la sabbia di quarzo, e ogni 6-7 anni per il vetro.

Corretta manipolazione dei prodotti chimici

Va considerato che tutti i prodotti per il trattamento dell’acqua di piscina sono altamente concentrati e di conseguenza richiedono opportune misure di sicurezza. Utilizzate questi prodotti unicamente per gli scopi previsti e leggete sempre attentamente le etichette prima dell’utilizzo.

  • I prodotti chimici non vanno MAI mescolati con altri prodotti o sostanze (sia in forma secca che concentrata), neanche se si tratta dello stesso prodotto.
    Ad esempio, se avete due secchielli di cloro shock mezzi vuoti, mai mescolarli assieme, perché anche se il nome è lo stesso la formula può essere diversa
  • Tutti i prodotti vanno conservati nella confezione ORIGINALE, ben chiusi e in un luogo fresco, asciutto e ventilato. Non esporli alla luce solare diretta
  • Non conservare assieme ai prodotti alimentari, materiali corrosivi o facilmente infiammabili come solventi, oli, vernici o altri rifiuti
  • Evitare il contatto con gli occhi, bocca e pelle
  • I prodotti rovesciati accidentalmente vanno sempre eliminati. Per piccoli residui sciacquare abbondantemente con acqua. Per lo smaltimento portare in un centro autorizzato.
  • Conservare tutti i prodotti chimici in un luogo inaccessibile a bambini, persone non competenti e animali
2

Contattaci per una consulenza e trova la soluzione più adatta alle tue esigenze grazie alla professionalità dei nostri tecnici.

4 Condivisioni
   Richiedi preventivo
Richiedi un preventivo

Richiedi subito un preventivo gratuito per la tua piscina da sogno e scopri i nostri vantaggi!